Sito del Dottor Riccardo Scotti Medico Specialista Oculista

La retina

Osservando la retina dal suo interno, si può individuare una zona centrale, delimitata dalla papilla e dalle arcate vascolari (polo posteriore, deputato alla visione diurna), ed una zona periferica, esterna alla papilla e alle arcate vascolari (retina periferica, deputata alla visione notturna).

La retina in sezione con la macula e l'inizio del nervo otticoIl polo posteriore misura circa 10 mm di diametro, e al centro presenta la zona nobile della retina, dove i fotorecettori (coni) sono molto addensati per garantire la massima risoluzione visiva: si tratta della macula, che presenta un diametro di circa 1200 micron. A sua volta al centro della macula vi è una piccola zona di spessore minore, la fovea, che è la parte in assoluto con maggior risoluzione visiva e corrisponde al punto di fissazione: quando puntiamo lo sguardo verso un punto di un oggetto, lo guardiamo con la fovea. Il diametro della fovea è di 350 micron, e al centro di essa un'altra piccola regione di 120-150 micron dà origine a quello che durante l'osservazione del fondo oculare con l'oftalmoscopio viene detto "riflesso maculare".

La retina periferica, partendo dalle arcate vascolari e andando in avanti verso il corpo ciliare, viene suddivisa in periferia prossima (1,5 mm), periferia media (3 mm), periferia estrema (10-15 mm), ora serrata (1-2 mm). Procedendo verso lora serrata, diminuisce il numero dei coni e aumenta quello dei bastoncelli: questa è la ragione per cui la retina periferica entra in gioco nel processo di visione alle basse luminanze. Topograficamente, si distinguono 4 quadranti nella retina periferica: nasale, temporale, superiore ed inferiore.

Lo spessore della retina nella periferia è di 270 micron, si riduce a 150-190 micron nella regione maculare, per arrivare a 120-150 micron in corrispondenza della fovea.

 

Malattie della retina

Numerosissime sono le patologie coinvolgenti la retina, ed elencarle tutte non è possibile in una trattazione sintetica come questa.

Verranno citate le più frequenti:

 

• Retinopatie circolatorie: retinopatie vascolari (occlusioni della vena o della arteria centrale della retina, o di uno dei loro rami), retinopatia ipertensiva, retinopatia diabetica, retinopatia del pretermine.

 

• Retinopatie infiammatorie: solitamente associate a fenomeni infiammatori dell'uvea; prendono pertanto il nome di corioretiniti.

 

• Retinopatie degenerative della regione centrale (maculopatie): senili, miopiche, da farmaci, congenite, ecc.

 

• Retinopatie degenerative della retina periferica: degenerazioni a palizzata, a brina, tipo Givrée, retinoschisi, retinite pigmentosa, ecc.

 

• Retinopatie neoplastiche: retinoblastoma

 

• Distacco di retina: post-traumatico, regmatogeno, essudativo, trazionale, ecc.

 

Le malattie che interessano la retina

INDICE degli articoli

grafica con un occhio stilizzato al piede della pagina